Buongiorno,
sono la mamma di una bimba di 2 anni e ultimamente abbiamo notato un "peggioramento" nel suo attaccamento a me.
Noemi è sempre stata molto più attaccata a me invece del padre: nei primi mesi di vita lo vedeva solo il weekend a causa del suo lavoro, poi da quando lui è riuscito ad essere più presente abbiamo iniziato ad abituarla a fare le cose anche con il papà. Ad esempio siamo riusciti pian pianino a farle prendere l'abitudine che il bagnetto della sera e la nanna si fanno con il papà. Con molti sforzi e molti "convincimenti" e tra qualche giorno no e qualche giorno più positivo abbiamo stabilito una routine. Fino al mese scorso sembrava andare meglio.
Casualmente dopo una settimana di ferie ha iniziato progressivamente a rifiutare di fare le cose con il padre, ha cominciato a piangere anche quando la lasciavo dai nonni che adora e con i quali sta molto volentieri.
Due settimane fa abbiamo iniziato l'inserimento al nido che tra alti e bassi va bene a detta delle tate: piange all'inizio un po' ma poi si tranquillizza. Non sembra andarci ancora molto volentieri, ma quando la vado a prendere è entusiasta.
Il problema è che a casa con me e con il nonno ha accentuato il suo attaccamento: non vuole nessun altro se non me o il nonno (neanche la nonna che pur vedendola meno del nonno in un certo senso la preferiva).
Stiamo facendo un po' fatica a gestire questa situazione: non so se sono capricci, o se è solo la fase del distacco che deve pian pianino superare.
Non sappiamo bene come comportaci....soprat tutto nel farle capire che oltre a me c'è il papà e che può stare con lui.